La storicità di un luogo al servizio di uno spazio contemporaneo

2018

\

Tasca d'Almerita

Le Cattive di Palazzo Butera nasce con l’obiettivo di restituire alla città di Palermo uno spazio elegante e contemporaneo senza tradirne l’appartenenza storica. Pensato e progettato in team con l’architetto Giovanni Cappelletti, si configura sia come caffetteria del museo della collezione di Massimo e Francesca Valsecchi, sia come luogo dedicato alla cultura del vino.
Gli spazi del progetto, la cui precedente funzione era legata alla cucina di Palazzo Butera, hanno richiesto un intervento puntuale e preciso in ogni dettaglio, per realizzare un’area centrale con ingresso dalla Passeggiata delle Cattive, e due banchi dedicati (cocktail | caffetteria) che dividono le sale. Le maioliche, recuperate durante il rifacimento della terrazza del piano nobile di Palazzo Butera, conservano le loro caratteristiche originali. Il caveau dei vini, caratterizzato da luminosità e leggerezza formale, diviene la quinta attraverso cui trasmettere l’identità della committenza, Tasca d’Almerita, nonché essenziale spazio espositivo e funzionale al tempo stesso. Il progetto di identità, definito in collaborazione con lo studio Italo Lupi, rappresenta “le cattive”, captivae, le prigioniere del dolore del lutto. Le “e” delineano due profili di donna appena accennati, ma anche due virgolette in apertura di un discorso, di una storia. L’unione delle tue “t” evoca la longitudinalità della passeggiata, nonché paradigma visivo dominante. Anche i supporti cartacei richiamano l’architettura: il verde degli intonaci e delle piastrelle, il grigio profondo del ferro naturale e un tocco di lamina oro caratterizzano i materiali di comunicazione, rendendoli un’ideale prosecuzione dello spazio.
PRESS
Archilovers BEST PROJECTS 2019
Food&Wine Italia